Un nuovo hotel a Plan de Corones, per una montagna tutta da vivere

Inaugura il 19 novembre l’ultimo nato della famiglia di hotel Falkensteiner, con la formula “Adults Only”.

Progettato da Matteo Thun e con una serie ricchissima di proposte per i suoi ospiti, il nuovo albergo a firma della catena Falkensteiner è quasi in dirittura di arrivo e poco prima dell’inizio della stagione invernale svelerà le sue carte nel comprensorio sciistico di Kronplatz. L’hotel sin dll’apertura entrerà far parte dei segmenti “Active”, dedicati ad ospiti che amano esperienze di sport e avventura, ed “Adults Only”, selezionati per un pubblico dai 14 anni in su, ma la lista delle offerte, come detto, è piuttosto ampia.

Vediamo allora quali sono. Si va dal giro panoramico in una cabinovia esclusiva disegnata e studiata dalla azienda Mössmer di Brunico (nella quale si degusteranno speck e prodotti tipici accompagnati da vini locali), all’adrenalinico volo in tandem con il parapendio, e atterraggio previsto proprio davanti all’hotel; dal giro in elicottero al tramonto per osservare le vette delle Dolomiti tingersi di rosso, fino al volo in mongolfiera in Val Pusteria, con aperitivo panoramico sospesi nel cielo. Mentre per chi invece preferirà dedicarsi alla scoperta dei vini e nello stesso tempo sciare, la proposta più allettante sarà quella della degustazione direttamente sulle piste in compagnia dell’ex sciatore professionista Christian Heinz. O ancora, per gli appassionati di arte e cultura locale, la possibilità più allettante è quella di poter visitare due importanti musei come il Lumen e il Messner Mountain Museum, in cima a Plan de Corones.

A coordinare tutte queste attività, e molte altre, ci sarà la figura dell’Experience Concierge, impersonificata dal trentaseienne altoatesino René Castagnaro, un appassionato di sport all’aperta (pratica mountain bike, snowboard e hockey su ghiaccio, tra gli altri) la cui esperienza professionale si spinge fino alla gestione di eventi, marketing e social media management. Il nuovo Falkensteiner potrà contare su un centinaio di stanze dal design alpino moderno e come tutti gli hotel del gruppo anche su un centro benessere Acquapura distribuito su tre piani e 1400 metri quadrati, con due piscine (una sportiva e una rooftop panoramica), la sauna finlandese con vista sulle montagne, il solarium, la biosauna, l’hammam e una yoga room. Il settore della ristorazione vedrà invece presente il marchio 7summit, ovvero il concept di cucina elaborato dallo chef Rainhard Daverda, con l’unione della cucina altoatesina locale, tra gusti raffinati e decisi, a piatti di altre 6 diverse nazioni, altrettanto famose per le loro vette. Proponendo così agli ospiti sapori più esotici e curiosi, che arrivano anche del Giappone, dell’Argentina, del Tibet, del Perù, dell’Alaska e della Tanzania.
Testo di Gualtiero Spotti
Foto cortesia di Falkensteiner 
Forse ti può interessare anche