Arriva la signature collection di bicchieri della IVV dedicata alla mixology

L’Industria Vetraria Valdarnese inaugura la nuova collezione di bicchieri per la mixology d’autore che coinvolge bartender di fama internazionale.

In un’epoca in cui buona cucina e buon bere sono di gran moda, IVV presenta il suo progetto dedicato alla Mixology d’Autore. Certi del fatto che, quando si parla di «arte della miscelazione», ci si muove in un territorio dove non esiste una sola verità e dove la varietà di opinioni è una ricchezza e uno stimolo, l’industria vetraria toscana, nata nel 1952, ha pensato di avviare un percorso in cui dare spazio non a una sola persona, ma a più protagonisti del bere miscelato, e di farlo a livello internazionale.

Su questa base, The Bartender’s Signature è un progetto con cui, sotto la direzione tecnica di Thomas Martini, il bartender manager del celeberrimo Harry’s Bar di Firenze, IVV seleziona miscelatori di fama internazionale e con loro sviluppa uno o più bicchieri da cocktail che sono espressione del loro gusto, delle loro specialità e delle loro esigenze professionali, sia nella forma che nelle dimensioni.
Ne nasce una serie di bicchieri esclusivi, pensati da protagonisti del panorama internazionale del bartendering professionale sia come strumenti di lavoro per i barmen professionisti, che come oggetti da regalarsi o regalare nella vita privata. Le prime creazioni ad aver visto la luce sono quelle di Alessandro Palazzi dall’ Inghilterra (è al Dukes Bar dell’omonimo hotel di Londra), di Vladimir Zhuravlev dalla Russia (fondatore del Clubaratoty di Mosca) e di Shuichi Nagatomo, bar manager di diversi locali in Giappone.
Testo di Redazione Gastrocritici
 
Forse ti può interessare anche