Motelombroso, un ristorante nascosto tra le pieghe del Naviglio Pavese

A Milano, in una ex Casa Cantoniera, tra suggestioni artistiche, vini naturali e una cucina che mescola buon senso popolare e qualche idea creativa scegliendo sempre una materia prima di altissima qualità.

Si chiama Motelombroso, ma in realtà qui di stanze non ce ne sono e non si viene per trascorrere la nottata se non davanti a un piatto o a un calice di vino. Aperto da pochi mesi nella parte più esterna alla città, lungo l’Alzaia Naviglio Pavese, Motelombroso è invece un ristorante dai contorni davvero originali, visto che è stato ricavato da una ex Casa Cantoniera e fino a una decina di anni fa qui si trovava la sede di un gruppo di Alcolisti Anonimi. Oggi, grazie ai nuovi proprietari, Alessandra Straccamore e Matteo Mazza, è diventato un luogo emergente della movida milanese, mantenendo però le caratteristiche quasi di uno speakeasy, che al momento vive più del passaparola capace di attirare l’attenzione di giovani artisti, musicisti, e di una clientela riservata che vuole vivere uno spazio molto vicino al circolo privato o al club.

Ma andiamo per ordine. Il ristorante è da poco nelle mani di una coppia di cuochi, il ventitreenne milanese Demis Quattri (già transitato nella galassia Berton, al Dry) e il trentaquattrenne ciociaro Maurizio Mariano. Insieme hanno allestito un menù dalle molte suggestioni, che passano spesso attraverso la rappresentazione in chiave più elegante di una cucina dal taglio popolare, con Maritozzi in bella vista e in diverse versioni (dal lobster roll a quello con parmigiana di melanzane scomposta, e chiaramente, uno dolce), il gustoso Maialtonné di Mora Romagnola e interpretazioni stagionali come nel caso della Vellutata di zucca con blu di capra, castagna e cima di rapa. In più c’è qualche divertente slancio creativo, nello Storione fumè con crema di nocciole, fico e tartufo nero, o nel Coniglio rollé con salsa satay, mela e finocchio.

La bella sala ristorante, con giardino esterno perfetto per i mesi più caldi, consente, volendo, anche soste meno impegnative a tavola, con scelte più legate ai prodotti. E la qualità si vede se si sceglie un piatto di formaggi dove si pesca nell’eccellenza non solo lombarda, con lo Strachitunt bergamasco, lo Storico Ribelle valtellinese e il Castelmagno piemontese a farla da padrone. Al primo piano di Motelombroso, ed è la chicca del locale, c’è anche una piccola sala privata chiamata Stanza Motel che funge da enoteca e presenta un unico tavolo da sei persone.

Lobster Roll
Storione fumé, crema di nocciole, fico, tartufo nero
Coniglio rollé, salsa satay, mela e finocchio

In questo caso si può prenotare la cena con un menù degustazione da sette portate per tutto il tavolo. Chi invece predilige il momento dell’aperitivo, o del post cena tra cocktail e liquori, può sostare al bar dell’ingresso, per approfittare di una mixologia al momento molto classica e senza troppe fantasie, ma soprattutto scegliere tra le ottime bottiglie di vini naturali rifermentati o biodinamici sui quali qui si punta in maniera decisa. Una bella selezione con etichette non banali tra Italia ed estero. Motelombroso nel ricco panorama dei Navigli è un unicum davvero sorprendente e che merita una visita.

Doppio zabaione e nocciole

MOTELOMBROSO
Alzaia Naviglio Pavese, 256
20142 Milano MI

Pagina Facebook: Motelombroso

Testo di Gualtiero Spotti
Foto di Benedetta Bassanelli
 
Forse ti può interessare anche