Le nuove suite dell’iconico Meurice a Parigi

L’hotel in Rue de Rivoli si rinnova e presenta 29 nuove camere e suite, tra eleganza contemporanea, tecnologia intuitiva e oggetti d’arte.

E’ davvero difficile resistere al fascino di uno degli alberghi più celebrati della capitale francese. Le Meurice, a due passi da Place de La Concorde, con vista sulla Tour Eiffel e i giardini di Tuileries rappresenta al meglio la grandeur e lo stile dei cugini d’oltralpe nel cuore della Parigi monumentale e del primo arrondissement, e anche oggi che di tanto in tanto si concede qualche restyling in linea con le esigenze della clientela moderna, ma anche solo per il normale mantenimento di un hotel storico che vanta quasi duecento anni di vita, risulta essere un indirizzo irrinunciabile e grandioso.

Con eccellenze che si manifestano in ogni ambito, dall’accoglienza alla cucina, passando per la Spa. La novità di quest’anno però è rappresentata dalle nuove 29 camere e suite recentemente ridecorate e consegnate agli ospiti nel mese di giugno. Posizionate dal terzo al sesto piano dell’edificio, queste stanze hanno visto la collaborazione di Charles Jouffre, designer d’interni de Le Meurice per più di 10 anni e autore degli arazzi dell’Opera Garnier, con due giovani designer, Margaux Lally e Luc Berger, dello studio Lally & Berger, invitati a rivedere i nuovi ambienti.

I decoratori hanno immaginato quale sarebbe stata la Versailles di oggi e hanno declinato questa visione creando spazi più luminosi e raffinati, adornati con una selezione di tessuti francesi di alta qualità come seta, damasco e velluto, con mobili su misura e opere d’arte uniche, scelte per il loro stretto legame tra la storia di Parigi e quella de Le Meurice. Tra le suite rinnovate c’è anche la Belle Etoile di 620 metri quadrati, al settimo piano dell’hotel e con vista mozzafiato, grazie anche alla enorme terrazza di quasi 300 metri quadrati.

Qui, in queste stanze, ci si meraviglia di fronte ai tocchi delicati di bronzo e argento, combinati con la leggera patina di rovere invecchiato, che danno tono a questa spettacolare suite. Con i mobili su misura creati da Ateliers Jouffre, le due opere d’arte uniche di Carole Benzaken, presentate dalla Galleria Nathalie Obadia, ed esposte come se la suite fosse stata creata intorno a loro. Nell’elegante sala da pranzo si possono accogliere fino a dieci ospiti, e perfino condividere momenti di relax nell’home cinema privato , o semplicemente prendersi del tempo nel bagno in marmo con panorama su Montmartre e il Sacro Cuore.

Testo di Gualtiero Spotti
Foto cortesia di Le Meurice
Forse ti può interessare anche