Natura arriva in Franciacorta

mde
Arriva in Franciacorta il nuovo ambizioso progetto di Daniele Merola, affiancato anche questa volta dallo Chef Marco Acquaroli. Il Ristorante si chiama Natura e tra ispiriazione dal territorio locale e da un’innovativa cucina naturale.
Sboccia – è proprio il caso di dire con un gioco di parole – Natura in questo scampolo d’inverno particolarmente mite, segnalandosi tra le più intriganti novità nel panorama dell’alta ristorazione. Siamo in Franciacorta e la nuova avventura nata dall’intuizione di un giovane, ma ambizioso e già capace imprenditore qual è Daniele Merola, promette quel respiro ben più potente che altre suggestioni, della durata di poche, effimere stagioni, sanno con difficoltà indovinare. Ed è, la sua, una scommessa che appare vincente per diverse, importanti, motivazioni. Ci troviamo ad Adro, base di una sosta eno-gastronomica che trova proprio qui, nella Franciacorta, una rete assai ricca di itinerari adatti alle più disparate sensibilità, ma Natura sorge anche a due passi da quel lago d’Iseo che la recente passerella di Christo ha eletto, forse definitivamente, tra gli approdi cool di un turismo che è composto in gran parte da nuovi utenti, molti dei quali stranieri.
Daniele Merola
Il ristorante non spunta nel deserto, dunque, e neppure ex novo: è parte di quella piccola (e golosa) macchina da guerra che è la Dispensa Pani e Vini. Se ne differenzia, sottolineando saggiamente un ingresso tutto suo, ma in comune, oltre alla proprietà, ha il bravo chef – Marco Acquaroli – che qui però sperimenta un percorso più ambizioso che è proprio solo di Natura. Là dove le mille suggestioni della Dispensa – dagli aperitivi, ai piatti dell’osteria, alla cantina con le mille glorie di spumanti locali – puntano a un’offerta di qualità che insieme è conviviale, piuttosto decostruita, insomma “morbida”, smart, qui, invece, nel ristorante gastronomico tutto porta a tempi più rilassati, “pensati”, come assecondando un ritmo che viene spontaneo definire, appunto, “naturale”. «Ed è proprio questo uno dei significati che vorrebbe evocare il nome del ristorante – ci spiega il patron Daniele –: Natura vuole richiamare insieme i ritmi propri delle stagioni, con i prodotti che seguono il loro ciclo e che dunque non si possono trovare sempre in tavola, ma vuole indicare anche un genere di esperienza in cui il cliente può trascorrere piacevolmente del tempo godendone insieme ad amici e in compagnia di cose buone».
Marco Acquaroli
L’immersione più completa nell’avventura gastronomica (e filosofica) di Natura avviene con la Glocal Experience, un viaggio lungo 12 assaggi (proposto al prezzo di 120€) che esplora la creatività, in notevole evoluzione, raggiunta dallo chef Acquaroli. Ma il primo approccio con la sua cucina può avvenire anche con il Semplice Inizio (menù di tre portate a 50€), con Nuovi Classici (5 portate, 65€ ) o Passeggiata in Franciacorta (5 portate, 65€ ) o ancora con Franciacorta Creativa (7 portate, 85€). Per chi non volesse proprio scegliere un percorso può pescare da (quasi) tutta la carta al prezzo di 20€ a piatto. I signature dish, come la Sarda BBQ e il Piccione con le prugne umeboshi convivono con piatti golosi come lo Spaghettone con cipollotto e colatura di pesci di lago e ad altri ben equilibrati dove un fil rouge è evidente nell’impiego dei prodotti del territorio (la tinca, lo storione, i formaggi bresciani) insieme alla (lodevolmente) sottolineata componente vegetale (ora carciofi e crucifere). Il menu cambia ogni due mesi. Da sottolineare la brigata di sala giovane e spigliata. Assai intrigante e non banale la cantina: ovviamente ricca di Franciacorta, ma anche e soprattutto di vini naturali e guidata da un professionista (già con Scabin, Cannavacciuolo e Sacco) come Ivan Famanni.

RISTORANTE NATURA
Via Principe Umberto 35
25030 Adro (BS)

Tel.030 728 1670
www.ristorantenatura.it

Testo di Giovanni Caldara
Foto di Giovanni Caldara e Stefano Borghesi
Forse ti può interessare anche